Indicizzazione Google e almeno 4 ragioni per cui dovresti conoscere gli AMP
27 gennaio 2017
Come fare una diretta Facebook? Trucchi e consigli
10 aprile 2017

I 5 migliori tool Seo gratuiti per far decollare il tuo business

5 tool Seo per far decollare il tuo business 

Prima di parlare dei Seo Tool, la domanda è d’obbligo: Posizionamento Seo, ma che cos’è? Cerchiamo di capirci subito: il tuo piano per monetizzare sul web, per portare avanti la tua attività online, è legato strettamente al funzionamento dei motori di ricerca. Sono i loro famigerati algoritmi che determinano il successo o meno della tua strategia. Ma da cosa sono solleticati gli algoritmi di Google? A cosa servono i tool Seo?

Posizionamento Seo, che cos’è?

Il posizionamento Seo è un grosso rischio (che bisogna prendersi, possibilmente affidandosi a professionisti). Ovvero il rischio di essere VISIBILI su Google e sui motori di ricerca. Finire in terza pagina è più o meno come avere una vetrina bellissima e tenere tutto il giorno la serranda abbassata e le luci spente. Per questo serve lavorare con attenzione con gli strumenti Seo giusti.

Trovarsi in prima pagina su Google è possibile? Risposta affermativa: la vera domanda che dovrai farti è un’altra. Su quali parole chiave? Le parole-chiave, o keywords per chi vuole dare un po’ un tono (anche il mio boss lo fa, non ci riferiamo a lei sia chiaro, ovviamente).

[Tweet “Le keyword sono autostrade.”]

Passatemi la metafora. Sono le autostrade digitando le quali il tuo utente finirà sull’articolo, pagina, vetrina e-commerce.

Ecco, se vogliamo un po’ esagerare, è esattamente nel momento in cui il tuo utente digita la richiesta (e come la digita), che davanti a lui si va formando la prima pagina. Che è quella dove sceglierà, quasi certamente (ricordatelo sempre, l’utente di base è pigro, su una sedia o al pc, e di cliccare su quel piccolo numeretto che porta alla seconda pagina non ha voglia, proprio per niente). Ora cominciamo a parlare degli strumenti Seo più efficaci che abbiamo testato a lungo.

  1. Ubersuggest (https://ubersuggest.org/)

Un po’ lo zio saggio di tutti i tool Seo che puoi utilizzare, per due ordini di motivi da non sottovalutare:

  •  Consente di trovare tutte le parole chiave collegate ad una determinata parola. Questo fa in modo che tu possa creare un articolo con più parole chiave, collegate, capaci di attrarre maggior traffico sul sito web. Ultimamente è aggiornato a livello grafico, ed è più piacevole
  • Consente inoltre di cercare parole chiave su più lingue: in questo modo è possibile, per i copy o i Seo Specialist più esperti e multilingua, piazzarsi anche sui mercati esteri. In questo video si possono trovare tutte le funzionalità di Ubersuggest: tra i tool per il posizionamento Seo .

 

Ubersuggest è, tra l’altre cose, un prodotto sviluppato dall’italianissimo Alessandro Martin.

La ricerca delle keyword correlate consente agli utenti di trovare una serie di possibilità pressoché infinite. O meglio: per ogni lettera dell’alfabeto viene mostrata una lista di 10 parole correlate a quella cercata. Quindi, ricapitolando:  inserisci una keyword su questo efficace strumento Seo, e per ogni lettera dell’alfabeto trovi 10 parole chiave correlate.

Tool Seo e Word Cloud

Nella nuova versione c’è anche la possibilità di vedere il costo AdWords medio per quella coppia di parole. Ogni parola potrà essere cercata sul Web, nelle immagini, shopping, YouTube e News: ovviamente tutto strettamente legato a Google (alla fine quasi tutti gli strumenti Seo adorano lavorare su Big G).

Ma che risultati si possono ottenere con questo tool Seo? Innanzitutto la lista delle parole trovate, con i 3 pulsanti Visualizza Testo, Scarica tutto e Cancella. Non solo: Ubersuggest consente di ottenere la Word Cloud, basata sulla frequenza di parole suggerite. Di ogni parola che si trova è possibile, con un solo click, visualizzare l’andamento nel volume di ricerca su Google Trend, una novità successiva al nuovo look.

Ubersuggest è uno strumento Seo molto utilizzato ed utile nella Seo On Page, è nel kit di tool necessari che bisogna saper usare.

2) Ahrefs

Il nostro preferito, che nessuno se ne abbia a male. La versione Pro è pazzesca, incredibile, iper-utile: già in homepage regala una serie di metriche che alla lunga ti saranno indispensabili.

La prima riguarda l’Url Rating: mostra quanto è forte il profilo di backlink di un determinato Url, in una scala da 0 a 100.

Questa metrica ha una forte connessione con il ranking di Google. Il che significa che un punteggio molto alto = grande visibilità sui motori di ricerca. Il Domain Rating invece determina la forza del sito (non di una singola Url).
Ancora una scala da 0 a 100: è importante sapere che i backlink che provengono da sito con un Domain Rating alto hanno un peso maggiore rispetto agli altri. Non solo: consente di controllare i Backlinks, i referring domains, il traffico organico e le parole chiave organiche. Cosa vuoi di più da un tool Seo?

Tool Seo e competitor

Altro fattore da non sottovalutare: tra i tool per il posizionamento Seo è una regola d’onore lo studio attento e scrupoloso dei competitor (in maniera legale, sottolinea ironico spesso nelle sue pubblicità Hootsuite). Si possono osservare i loro backlink (e quindi le loro strategie). Proprio lo studio dei backlink lo rende uno dei tool Seo più importanti. In pratica, il pane quotidiano se sei un Seo Specialist, o vorresti diventarlo. E chi obietta sul costo (che per la versione Premium non è del tutto cheap), viene da dire che effettivamente, in mani esperte, è un’arma imprescindibile.

3) Google Page Speed (httpss://developers.google.com/speed/pagespeed/)

Una piccola nota a margine prima di parlare del Google Page Speed. Oramai tutti i grandi giganti che si muovono, da Google, a Facebook, nello stringere accordi con gli editori per velocizzare l’apertura degli articoli. Questo che cosa significa? Nel deperimento totale dell’attenzione media degli utenti (destinata a scendere ulteriormente) oramai i tempi di caricamento devono essere ridotti. Altrimenti, ti sfido a negarlo, si chiude Internet e tanti saluti.

Chiamiamola anche sindrome del Buffering: qualsiasi tempo di caricamento infastidisce mortalmente. Ecco allora gli AMP (di cui ho parlato in maniera molto interessante, sì, lo dico da solo, in quest’articolo) e prima ancora gli Instant Article su Facebook.

L’importanza del Mobile 

Un click, notizia immediata e sei dentro. Per questo l’algoritmo di Google  sta penalizzando sempre più i siti lenti. E per sapere quanto è veloce il tuo sito, come puoi fare?

Ed ecco che cade  a fagiolo il tool Seo che ti voglio consigliare: il Page Speed non si limita a darti la possibilità di controllare la velocità di caricamento del tuo sito web. Si occupa sia della versione Desktop sia della Versione Mobile.

E l’importanza del mercato Mobile è CAPITALE: per la prima volta il traffico da dispositivi Mobile (gli smartphone, dobbiamo specificarlo?) ha superato quello da Desktop. Capisci quanto è importante che il sito sia perfettamente ottimizzato per i device mobile?

Google Page Speed, non contento, fornisce anche una serie di consigli su come ottimizzare eventuali risultati al limite dell’obbrobbrioso (speriamo di no). Regala la grandiosa possibilità con la possibilità di renderli decisamente migliori.

4) Strumento di pianificazione delle Parole Chiave di Google Adwords

Altro tool Seo, altra corsa: siamo ancora nella grande casa di Big G, stavolta dentro Google Adwords (se non sai cos’è, forse dovresti leggere quest’articolo di SemRush httpss://it.semrush.com/blog/adwords-successo-campagna-sem-4-fasi/, che è pure il prossimo tool che ti consiglio con tutto il mio povero cuore). Nella grande stanza di Google Adwords, c’era una volta e c’è ancora. Dove trovarlo dopo aver effettuato l’accesso su Adwords? Devi cliccare su Strumenti, e poi selezionare Strumento di Pianificazione delle Parole Chiave.

A quel punto cerca la parola chiave di tuo interesse e scoprirai una serie impressionante di dati. Che dati? Riguardano il flusso di traffico della parola chiave che hai scelto e quelle correlate (selezionate per pertinenza).

Oltre alla media delle ricerche mensili puoi visualizzare la concorrenza. Se vuoi cimentarti anche su Google Adword, puoi sempre sfruttare la colonna che rappresenta l’offerta consigliata. E ora un ultimo sforzo, abbiamo quasi finito.

5) SEMrush

Dulcis in fundo: se sei arrivato fino a qui ti stiamo per mostrare il tool Seo che ci piace di più dopo Ahrefs: stiamo per parlarti di SEMrush.

Non solo: puoi usufruire di tutta una serie di implementazioni professionali.  Semrush fa al caso tuo. Praticamente uno strumento Seo troppo importante per essere vero.

Tool Seo

SEMrush è una vera e propria miniera d’oro per i Marketer: ti consente di auscultare il tuo sito e quello dei concorrenti. Ti aiuta ad imparare come si muovono e come dovresti muoverti tu. In più, ti dà una grossa mano perfino nelle pubblicità e sui social.

Cliccando velocemente questo link puoi trovare 4 tutorial per iniziare ad utilizzarlo:  più semplice di così…