Cambridge Analytica e Facebook: come proteggere la nostra privacy
19 aprile 2018
Brand Identity
Brand Identity: trasmetti i tuoi valori
10 maggio 2018

Sentiment Analysis: i tuoi clienti sono felici?

Sentiment analysis

Che cos’è la Sentiment Analysis

La Sentiment Analysis è un procedimento di analisi dei dati raccolti da internet, che permette di capire i sentimenti degli utenti riguardo un particolare prodotto, o servizio, o evento, o qualsiasi altra cosa.

Il vostro prodotto piace? La gente lo ama? Lo odia? Lo ritiene inutile? L’evento che si è tenuto la scorsa settimana è andato bene? Le persone ci tornerebbero? La Sentiment Analysis può rispondere a tutte queste domande e a molte altre. Vi starete chiedendo in che modo.

Detto in termini un po’ più complicati la Sentiment Analysis è un’analisi computazionale dei sentimenti e delle opinioni espressi nei testi presenti in internet.

A pensarci bene, l’idea non è poi così originale. Possiamo dire che il concetto di base è quello di ascoltare gli utenti per capire cosa funziona e cosa c’è da migliorare. Un po’ quello che anni fa, anche se ci sembrano secoli, veniva fatto con i sondaggi telefonici.

Con una differenza fondamentale però. Nella Sentiment Analysis l’opinione non viene sollecitata, e questo fa sì che il giudizio sia più veritiero rispetto ai classici sondaggi, dove viene forzatamente espressa un’opinione su determinati argomenti.

Le persone che esprimono questi giudizi vengono definiti opinion holder, cioè portatori di opinioni, e possono essere autori di blog, di recensioni, ma anche molto più semplicemente utenti di social media che commentano o scrivono post.

Come funziona la Sentiment Analysis

Non è semplice per una macchina decifrare tutte le sfumature di significato e di intenzione che possono assumere i concetti espressi dall’essere umano. Ecco quali sono i passi principali per far sì che la Sentiment Analysis sia corretta e affidabile:

  • I sofisticati software di elaborazione del linguaggio raccolgono costantemente dati da diverse piattaforme;
  • Prendono in considerazione, isolandole, una o più porzioni di testo (ad esempio il nome di un brand, di una persona oppure un argomento);
  • Determinano il tono della frase, ovvero l’opinione positiva o negativa che voleva essere comunicata;
  • Identificano l’intensità di tale opinione e l’emotività con cui questa è espressa (attraverso l’uso di aggettivi, punteggiatura, emoticons, ecc.);
  • Estrapolano la rilevanza dell’oggetto d’analisi rispetto al contesto.

Tra i tool da poter usare per la Sentiment Analysis vi proponiamo Talkwalker e Digimind.

A cosa serve la Sentiment Analysis

La Sentiment Analysis si è dimostrata uno strumento utilissimo per le aziende. È un modo per avere un riscontro accurato della reputazione on line della propria attività, grazie a opinioni e recensioni spontanee e non pilotate. Inoltre permette di individuare quali sono gli snodi di comunicazione su determinati argomenti, consentendo in questo modo ad un’azienda di andare a fare pubblicità lì dove già c’è un interesse dimostrato verso i propri servizi.

Proprio per l’affidabilità dei risultati ottenuti, i campi di applicazione di questo metodo di analisi si stanno ampliando, estendendosi addirittura alla politica e alle scienze sociali.